logo del sito cuccioliamo.it
Home | Cani | Gatti | Pesci | Uccelli | Roditori | Rettili | Cavalli | Altri animali |

Categoria: rettili

Serpenti domestici

Scopri quali sono le specie di serpenti domestici più diffuse in Italia e quali sono le più adatte ai principianti.

Serpenti domestici

Per principianti

Serpente del grano

serpenti domestici serpente del grano

Nome scientifico: Pantherophis guttatus

Dimensioni: 70-150 cm

Il serpente del grano è uno dei rettili da terrario più diffusi per la facilità di allevamento e per la bellezza dei suoi colori.

Serpente del latte

serpenti domestici serpente del latte

Nome scientifico: Lampropeltis triangulum annulata

Dimensioni: 50-150 cm

Questo serpente assolutamente innocuo presenta una bella livrea rossa, nera e gialla (simile a quella del serpente corallo). Questo serpente non ama essere maneggiato e potrebbe tentare la fuga.

Boa delle sabbie keniano

serpenti domestici boa delle sabbie

Nome scientifico: Eryx colubrinus loveridgei

Dimensioni: 50-90 cm

Questo piccolo rettile si può allevare anche in un fauna box o in un terrario di piccole dimensioni. È un animale adatto anche agli allevatori inesperti. Il boa delle sabbie è un serpente che trascorre la maggior parte del tempo nascosto sottoterra.

Muso di porco occidentale

serpenti domestici muso di porco

Nome scientifico: Heterodon nasicus

Dimensioni: 40-80 cm

Il serpente muso di porco è un rettile molto comune tra i neofiti poiché non necessita di un terrario di grandi dimensioni e non ha particolari esigenze. Il suo veleno è innocuo per l’uomo ed è difficile che riesca ad iniettarlo, poiché i suoi denti si trovano in fondo alla mandibola.

Pitone di Children

serpenti domestici pitone di children

Nome scientifico: Antaresia Childreni

Dimensioni: 60-100 cm

Questo pitone è raccomandato ai principianti poiché non richiede particolari accortezze nell’allestimento del terrario o nell’allevamento.

Pitone reale

serpenti domestici pitone reale

Nome scientifico: Python regius

Dimensioni: 90-180 cm

Il pitone reale non ha particolari esigenze ma necessita di un terrario di dimensioni più grandi rispetto alle altre specie in questa pagina.

Serpente reale della California

serpenti domestici serpente reale della california

Nome scientifico: Lampropeltis getula californiae

Dimensioni: 70-120 cm

Piccolo serpente costrittore originario della California, si adatta bene alla vita in cattività ed è piuttosto docile.

Serpente diadema

serpenti domestici serpente diadema

Nome scientifico: Spalerosophis diadema

Dimensioni: 180 cm

Serpente originario delle zone aride del Nordafrica e del Medio Oriente, ha il corpo color sabbia punteggiato da macchie più scure.

Per esperti

Boa smeraldino

serpenti domestici boa smeraldino

Nome scientifico: Corallus caninus

Dimensioni: 100 – 200 cm

Il boa smeraldino è uno dei rettili più affascinanti che si possano allevare in cattività. Tuttavia, il suo carattere selvaggio e aggressivo lo rende adatto solo agli allevatori più esperti.

Pitone moluro

serpenti domestici pitone moluro

Nome scientifico: Python molurus

Dimensioni: 500 cm

Il Pitone moluro è un serpente di grandi dimensioni sconsigliato ai principianti. Necessita di un terrario grande quanto un armadio.

Boa constrictor

serpenti domestici boa constrictor

Nome scientifico: Boa constictor

Dimensioni: 400 cm

Il Boa constrictor è un grosso serpente che ama arrampicarsi sui rami e necessita di un grande terrario sviluppato in verticale. Ha un temperamento nervoso.

Leggi anche:

  • Serpenti domestici
    Scopri quali sono le specie di serpenti domestici più diffuse in Italia e quali sono […]
  • Cosa mangiano i serpenti?
    In questo articolo scoprirai cosa mangiano i serpenti, allo stato selvatico e in cattività. Cosa mangiano […]

TAG: serpenti domestici

DISCALIMER: cuccioliamo.it è un sito informativo che non sostituisce in alcun modo il consulto di un veterinario. Le informazioni presenti in questa pagina non sono sufficienti a formulare una diagnosi né tantomeno ad intraprendere un percorso terapeutico. Se il tuo animale domestico sta male, ti consigliamo di portarlo al più presto dal tuo veterinario di fiducia.

Cosa mangiano i serpenti?

In questo articolo scoprirai cosa mangiano i serpenti, allo stato selvatico e in cattività.

Cosa mangiano i serpenti allo stato selvatico?

I serpenti sono rettili predatori, che seguono una dieta strettamente carnivora ed insettivora. Alcuni serpenti si nutrono prevalentemente di insetti. Le specie più grandi invece si cibano di anfibi, altri rettili (lucertole e serpenti), uccelli e mammiferi. Non esistono serpenti vegetariani.

  • Le bisce (specie appartenenti al genere Natrix) sono serpenti prevalentemente acquatici e si nutrono di rane, rospi e pesci. Occasionalmente possono ingerire piccoli mammiferi.
  • La vipera (Vipera aspis) si nutre di piccoli roditori, uccelli e lucertole.
  • Il cobra reale (Ophiophagus Hannah), ad esempio, si nutre quasi esclusivamente di serpenti, che cattura mordendoli sulla testa. Il suo veleno è sufficiente ad uccidere un pitone.
  • I pitoni (serpenti appartenenti al genere Python) si nutrono principalmente di mammiferi. Grazie alle loro dimensioni riescono a ingerire animali di medie e grandi dimensioni. Le specie più grandi di pitone sono in grado di divorare antilopi e cervi.
  • Lo Smooth Green Snake (Opheodrys vernalis), una specie di serpente non velenoso diffusa in America del Nord, è quasi interamente insettivoro e si nutre di grilli e cavallette.

Cosa mangiano i serpenti in cattività?

La dieta dei serpenti allevati in cattività dovrebbe imitare la loro alimentazione allo stato selvatico. Per questa ragione è bene informarsi sulle abitudini alimentari della specie che si alleva.

Ai serpenti che predano piccoli mammiferi – ma anche ai pitoni e agli altri costrittori – si possono somministrare topi e roditori. Queste prede si trovano facilmente nei negozi di animali, sia vivi che decongelati.

È importante offrire al serpente una sola preda per volta. In natura i serpenti individuano una preda, la cacciano, la divorano e poi restano inattivi fino alla sua completa digestione (che può richiedere anche diversi giorni).

Se il serpente rifiuta il cibo, dovrai individuarne la causa: se sta facendo la muta, è normale che smetta di alimentarsi. L’inappetenza potrebbe anche essere dovuta a una temperatura troppo bassa nel terrario: la digestione si interrompe a temperature troppo basse. In assenza di queste cause, dovrai consultare un veterinario esperto di animali esotici e rettili, per escludere la presenza di patologie.

Leggi anche: