Home + Cani + Gatti + Pesci + Roditori + Cavalli + Altri animali +
logo del sito cuccioliamo.it

Volpe domestica

Sapevi che esiste la volpe domestica? Questa specie, nata come esperimento in un laboratorio sovietico, viene allevata ancora ogg.

Purtroppo, avere una volpe come animale domestico non è affatto semplice: l’unico allevamento che seleziona e riproduce gli esemplari si trova in Siberia. Inoltre, in molti paesi – tra cui l’Italia – è espressamente vietato possedere una volpe come animale d’affezione. Alcuni stati degli USA permettono la detenzione di volpi domestiche, ma il costo di un singolo esemplare può facilmente superare i 10.000$.

Le origini della volpe domestica

Nel 1959, un genetista sovietico di nome Dmitry K. Belyaev iniziò in qualche modo segretamente ad allevare volpi con l’obiettivo di addomesticarle. A distanza di cinquant’anni, dopo migliaia di volpi e il crollo dell’Unione Sovietica, il programma continua presso l’Istituto di Citologia e Genetica di Novosibirsk, in Siberia. Belyaev voleva svelare i segreti dell’addomesticazione, i legami tra comportamento e allevamento e tratti fisici.

Oggi, dopo 60 anni dopo l’inizio del programma, la popolazione di volpi domestiche è numerosa e la domesticazione può dirsi conclusa con successo. Questi animali non hanno paura degli esseri umani e cercano attivamente la compagnia umana. Alcune di queste volpi sono particolarmente amichevoli, come i cani.

La biologa dell’Università dell’Illinois Anna Kukekova ha studiato le volpi addomesticate dalla fine degli anni ’90. Il suo laboratorio ha analizzato geni e caratteri di questi animali. Uno dei risultati più interessanti delle sue ricerche è che le volpi domestiche presentano tratti fisici diversi dalle volpi selvatiche: hanno la coda arricciata, presentano delle macchie nella pelliccia e anche le orecchie sono diverse. Rispetto agli esemplari selvatici, le orecchie delle volpi domestiche rimangono piegate più a lungo e in alcuni esemplari non raggiungono mai una posizione completamente eretta.

Grazie a questi studi i ricercatori si sono accorti che il comportamento domestico (docile, amichevole e collaborativo) non è solo il risultato di un addestramento o della convivenza prolungata con l’uomo, ma è determinato dai geni, gli stessi che causano queste modifiche all’aspetto.

Leggi anche: