logo del sito cuccioliamo.it
Home | Cani | Gatti | Pesci | Uccelli | Roditori | Rettili | Cavalli | Altri animali |

Cosa mangiano i gatti?

Domanda: Cosa mangiano i gatti?

Risposta: I gatti sono felini carnivori. La loro dieta è composta in prevalenza da proteine della carne e del pesce (95% delle calorie totali) e per la parte restante da grassi, amminoacidi, frutta e verdura.

Cosa mangiano i gatti? Ecco la dieta

A differenza dei cani, che sono animali onnivori, i gatti sono carnivori stretti. Questo significa che la loro dieta è composta quasi esclusivamente da carne.

cosa mangiano i gatti?
Due gatti che mangiano. (Foto da: Pixabay)

I gatti in natura si nutrono delle prede che cacciano: uccelli, lucertole, roditori e piccoli mammiferi. A causa delle dimensioni esigue delle prede, i gatti non fanno un unico pasto, ma tanti piccoli spuntini. La loro dieta dunque è composta da carne e interiora. In 24 ore i gatti arrivano a fare fino a 15-20 pasti.

Leggete anche:

La dieta dei gatti domestici

L’alimentazione dei gatti domestici dovrebbe rispettare quanto più possibile quella che abbiamo appena descritto.

La dieta casalinga, per chi ha il tempo e la possibilità di seguirla, è la scelta più indicata. Dovrebbe essere composta da: 80% di carne magra, 10% di interiora, 10% di ossa polpose, con l’aggiunta di piccole quantità di frutta e verdura (1-2%).

Per chi non vuole optare per una dieta casalinga, meglio optare per il mangime umido: di solito i gatti lo preferiscono a quello secco. Scegliete un mangime di qualità, che non contenga troppi carboidrati.

La dieta BARF (Biologically Appropriate Raw Food) è particolarmente indicata per i gatti, a causa della loro natura di carnivori. Questa dieta prevede di somministrare esclusivamente alimenti crudi, imitando l’alimentazione dei felini allo stato selvatico.

Leggete anche: 

Cosa mangiano i gattini?

Dalla nascita fino a quattro settimane di vita, i gattini vengono allattati dalla madre.

Dopo il primo mese di vita comincia lo svezzamento: la capacità dei cuccioli di assimilare il lattosio si riduce ed è possibile introdurre quantità crescenti di alimenti secchi mescolati col latte. Questa fase dura circa due settimane: a partire dalle sei settimane di vita i gattini sono svezzati e si nutrono quasi esclusivamente di carne.

Libri consigliati:

Petra Rus. Enio Marelli. BARF. La dieta naturale per il tuo gatto. Sperling & Kupfer. 2016