Home + Cani + Gatti + Pesci + Roditori + Cavalli + Altri animali + Quiz +
logo del sito cuccioliamo.it

Gatto Bengala

Il gatto Bengala è una delle razze feline più appariscenti e affascinanti al mondo. Il suo mantello ricorda quello dei gatti leopardo asiatici, ma la sua indole è tutt’altro che selvaggia.

Il gatto Bengala

gatto bengala mantello spotted
Un gatto Bengala “spotted” (foto da: Pinterest)

Storia

I primi tentativi di incrociare i gatti domestici con i gatti leopardo asiatici furono effettuati alla fine del 1800 dagli allevatori inglesi e belgi. Fino agli anni ’70 del ventesimo secolo, questi gatti erano riprodotti per scopi scientifici e naturalistici.

La razza è stata accettata solo nel 1983 dalle principali associazioni internazionali e da allora si è rapidamente diffusa per via del suo fascino.

Aspetto

Il gatto Bengala è un felino di dimensioni leggermente più grandi rispetto al gatto domestico: arriva a pesare 7 kg e può raggiungere i 70 cm di lunghezza. Il suo portamento è agile ed elegante e ricorda nelle movenze i gatti leopardo selvatici.

Il mantello può presentare due colorazioni:

  • Marbled, ovvero arancione con striature nere che ricordano il mantello di un gatto tigrato.
  • Spotted, ovvero a macchie di leopardo. Il mantello può essere chiaro, tendente all’arancio o ocra, ma le macchie devono distinguersi chiaramente. Questa è la colorazione più rara e pregiata.

Le altre colorazioni del mantello non sono riconosciute dagli standard ufficiali.

gatto bengala mantello marbled
Un gatto Bengala “marbled” (foto da: Pixabay)

Carattere

Questo gatto, benché discenda da un antenato selvatico, è perfettamente addomesticato. Perché il processo di domesticazione sia efficace, occorre che passino almeno quattro generazioni dal primo incrocio tra gatto domestico e gatto leopardo selvatico.

Si distingue per la sua intelligenza vivace, per la facilità con cui apprende e per il carattere dominante. La socializzazione con altri gatti potrebbe rivelarsi problematica.

Questo gatto ha bisogno di molto spazio per muoversi e arrampicarsi; la vita da appartamento non fa per lui, è meglio che abbia a disposizione un giardino ampio in cui scorrazzare.

Allevamenti di gatto Bengala

Se desiderate acquistare un esemplare, rivolgetevi ad un allevamento specializzato ed evitate gli allevatori improvvisati, anche se vi allettano con offerte vantaggiose. Ecco alcuni allevamenti selezionati in Italia:

Khoomfay: allevamento amatoriale con esperienza ventennale
Dove: La sede si trova nella Riserva Naturale del “Borsacchio” a Roseto degli Abruzzi.
Sito web: allevamentogattibengala.it

MyBengal: allevamento che seleziona linee di sangue di alta genealogia e da esposizione.
Dove: Bussolengo (VR)
Sito web: mybengals.it

BilliBengal: allevamento che seleziona linee di sangue da esposizione.
Dove: Villa Latina (FR)
Sito web: billibengal.it

Libri consigliati:

Gatto. Il libro completo. Storia, caratteristiche, tutte le razze. De Vecchi. 2018